ANTIFURTO PER CARTA IGIENICA

27 Nov

L’amministrazione pubblica presso la quale lavoro è in difficoltà. Stiamo vivendo un periodo difficile e bisogna fare dei sacrifici per far quadrare i conti. Insomma è tempo di “Spending review” anche in periferia.

Non avendo a disposizione un Carlo Cottarelli ci siamo arrangiati un po’ come potevamo scegliendo, credo un approccio “bottom up”, <da bottom (ingl.) = sedere> in altre parole abbiamo cominciato dalla carta igienica!

Ne circola sempre meno dei bagni dell’Ente e talvolta ci sono vere e proprie “interruzioni del servizio”.

Avendo buona memoria, sono tornato indietro al periodo in cui i miei figli erano alle elementari, anche lì mancava la carta igienica e in quel caso le maestre informavano i genitori con un “avviso” sul diario e subito si provvedeva mettendo un rotolo nella cartella. Una solerte bidella teneva il “magazzino” e informava le maestre quando era necessario un nuovo “avviso”.

Mi sono dunque portato la “vergine delle chiappe” da casa ma sono diventato vittima di discriminazioni di genere. Essendo in fatti in netta minoranza ed avendo, in quanto maschio, nella maggior parte dei casi, esigenze quantitative inferiori (in termini di lunghezza per intervento) il mio rotolo, pur senza insguire cuccioli di Golden Retriever o sfidare i condomini attaccato ai palloncini, dura di più.

P1010390Siccome c’è sempre qualcuno che pensa di risolvere i problemi con una scorciatoia (un po’ come il mio vicino di casa che per risparmiarsi la fatica di smaltire le pubblicità fa pulizia nella sua buca delle lettere infilandola nella mia) periodicamente qualcuno s’intrufola furtivamente nel bagno dei maschi (che uso praticamente quasi solo io in modo sistematico) e si frega il rotolo intero!

Non può essere diversamente perchè il rotolo sparisce senza lasciare traccia del “torsolo” di cartone, magari solo dopo un’oretta essere stato iniziato! La situazione è imbarazzante perchè, sebbene ormai mi premuri di controllare sempre se vi sia o meno la carta prima di “iniziare le operazioni”, quando mi accorgo del “furto  destrezza”, tecnicamente credo si chiami così anche se forse con “vigliaccheria” credo sia più indicato, devo rifare la sfilata nel corridoio a beneficio delle colleghe per prendere la “carta di riserva” che tengo nel cassetto della scrivania.

P1010392Ecco dunque perchè ho messo “l’antifurto”,  il rotolo me lo potranno “rubare” ugualmente ma tutti sapranno che è quello il rotolo del gabinetto dell'”amico di Gaber”. Perchè, ovviamente,  il cesso è sempre in fondo a destra!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: