Galbani vuol dire fiducia

15 Dic

“Galbani vuol dire fiducia” era il claim rassicurante di una nota marca di formaggio che oggi, un un’epoca di riscoperta del gusto, definiremmo “incolore, insapore, inodore”. La realtà era molto probabilmente un’altra.

Al pari del formaggio industriale oggi il più grande “piazzista” vivente a cavallo tra il 20^e 21^ secolo ce l’ha fatta, ha ottenuto la fiducia.

Un convergenza astrale di interessi, quelli del Cavaliere di non finire sotto processo e quelli di tanti “peones” alle prese con mutui da pagare e impegni economici di varia natura, che solo la lauta prebenda di deputato o senatore consente loro di onorare, ha fatto il miracolo di tenere in vita un governo giudicato da tutti virtualmente “morto”.

La punta dell’iceberg dell’indecenza si chiama Razzi, Scilipoti, Cesario, Catone, Polidori  (miss CEPU) ecc. ma, come ha spiegato Calearo, uno che “vive del suo”, dietro questi omuncoli che almeno hanno il pregio di metterci la faccia, si nascondono schiere di miserabili onorevoli del tira a campare, di destra di centro e di sinistra, che sperano almeno di arrivare a metà legislatura per maturare il diritto alla pensione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: