BASKET, COPPA ITALIA 2010: LA WATERLOO BOLOGNESE DEL “BERGANIA” OVER 40

22 Feb

Con lo stesso esito (per noi)  di Waterloo, si sono svolte a Bologna, lo scorso fine settimana, le Final Eight di Coppa Italia di basket.

Anche le condizioni meteo erano analoghe a quelle della celebre battaglia del 1815, almeno nella prima giornata di impegno dell’esercito di Angelo Napoleone Primo da Castelleone.

S’inizia subito con Napoli, celebrando il rito pacificatorio dell’offerta del vino pre partita, per seppellire gli screzi del torneo di Milano, ma gli avversari non si “bevono” l’esca e entrano in campo perfettamente sobri.

L’incontro si svolge tutto punto a punto, ma le “bombe da tre” scoccate dai nostri frombolieri non riescono a fare male e, come le granate napoleoniche affondate in quaranta centimetri di fango esplosero senza creare seri danni al nemico, anche i nostri tiri dai sei metri e venticinque si spengono innocenti sull’anello, sul tabellone o sfilano irridenti sul fondo.

Il rito pacificatorio perde ben presto il suo effetto taumaturgico, il gioco si fa “maschio”, specialmente sotto le plance e Napoli riesce a conquistare qualche lunghezza di vantaggio.

Osservando gli eventi dalla panchina mi viene in mente che se gli stessi contendenti si incontrassero tra vent’anni per un torneo di Burraco o di Tresette e si affrontassero con lo stesso agonismo, si colpirebbero reciprocamente lanciandosi le dentiere!!!

Con un paio di time out motivazionali Angelo Napoleone Primo riesce a riprendere in pugno la gara e ci riportiamo nuovamente sul punteggio di parità, ma il fischio finale dell’arbitro ci vede dietro di un’incollatura.

Subito si gioca con Bologna che schiera in squadra, tra gli altri giocatori di valore, anche l’ex pivot della nazionale Pietro Generali 2 metri e cinque  per cento kg passati da un pezzo. La partita non ha storia, anche se fino all’inizio del secondo tempo i bolognesi sono avanti di poco, il risultato finale è coperto da “Segreto di Stato” per la vergogna.

Sulla nostra panchina, un ospite d’eccezione, Charlie Yelverton asso dell’NBA e campione d’Italia con Varese, ci conforta con le stesse parole che un padre amorevole userebbe nei confronti di un figlio imbranato.

In serata Beppe, l’anima del gruppo, vinto dallo sconforto, tenta il suicidio ostruendosi le coronarie con un piattone di ciccoli di maiale.

Il riscatto arriva nella seconda giornata del torneo, non potevamo, dopo la semifinale raggiunta lo scorso anno, portarci a casa il “cucchiaio di legno”. I nostri (eccoli nella foto prima della gara con Charlie Yelverton e Gus Binelli che gioca nel  Bazzano -BO-) nella partita contro il San Severo  ritrovano precisione al tiro e una maggiore velocità.

Un pubblico appassionato e coinvolto segue l’incontro da bordo campo con trepidazione, a nulla serve che i nostri avversari schierino in campo forze giovani dalla potenza esplosiva ma dalla mira approssimativa, il punteggio finale di + 13 per il “Bergania” non ammette repliche.

La bottiglia che Donato porta sempre con se trova dunque l’occasione per mettersi in mostra nei festeggiamenti seguiti nello spogliatoio e non solo lei, fanno bella mostra di sé anche i “ragazzi” (tranne Beppe attardatosi per i convenevoli con un avvenente Signora della Federazione).

Tra tutti il più generoso è il “Ghislo”. Ecco le foto, per sapere che cosa mostrerà nella quarta immagine lanciamo ora il sondaggio:

Vogliamo dedicare la partita della vittoria al grande “Fabio Decimo Massimo” rimasto a casa per portare il proprio contributo all’effettivo raggiungimento delle Pari Opportunità.

Epilogo: arrivati a casa io e “Rossana” troviamo la torta che Elena ha preparato per il nostro ritorno, non è la coppa Italia ma questa torta con dedica è pur sempre un bellissimo pensiero.

Advertisements

6 Risposte to “BASKET, COPPA ITALIA 2010: LA WATERLOO BOLOGNESE DEL “BERGANIA” OVER 40”

  1. Mafalda 22 febbraio 2010 a 22:36 #

    mitico il pubblico a bordo campo!!!!
    E la torta dev’essere stata molto buona…

    • Cirano 23 febbraio 2010 a 03:35 #

      LA TORTA E LE EQUIVALENZE: ottima la torta ma vittima del liceo classico (e noi del colesterolo): negli ingredienti erano previsti 75 ml di panna, Elena ha pensato bene di metterci tre scatolina da un quarto di litro. Ci credo poi che si lamentava che l’impasto era liquido!!! Ottima comunque la panna cotta al cioccolato!
      🙂

      • ely&kòda 25 febbraio 2010 a 14:28 #

        c’era scritto 100g e sono andata in confusione!! tanto era buona comunque! 😉 😛

  2. marco mirko 23 febbraio 2010 a 00:11 #

    bravo mario sei sempre il nostro… mi-tolga una curiosità.. cercavo il tatoo sulla coppa … ma ho trovato un culatello..

Trackbacks/Pingbacks

  1. BASKET SINFONICO | Io non perdono e tocco - 17 giugno 2013

    […] è tenuta sabato la rentrée del “Bergania”. In riva al lago nella palestra del “Santa”, le componenti orobiche e lepontine del […]

  2. SUONATI!!! | Io non perdono e tocco - 13 febbraio 2016

    […] nostro vecchio Coach della Coppa Italia over 40 chi ha chiesto di votare per l’ensamble in cui suona sua figlia Linda al concorso che si […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: