Quella strana misura del P.I.L.

1 Feb

La misurazione del P.I.L. (Prodotto Interno Lordo) mi ha sempre stuzzicato. Secondo alcuni il PIL è la ricchezza prodotta in un dato periodo in un Paese, altri si spingono a definirlo un “indice di benessere”. Personalmente lo ritengo quantomai discutibile.

Alcune misure poi sono del tutto bizzarre come quella dei servizi non vendibili prodotti dal settore pubblico che non hanno un prezzo di vendita. In questo caso si potrebbe verificare il paradosso che più sono costosi (e inefficienti) e più fanno crescere il PIL.

Sul PIL come misura del “benessere” sono tornati i miei amici di NfA con un post che merita senz’altro una segnalazione.

In fondo rendere tutto non misurabile è un modo per non dover rendere conto a nessuno del proprio operato. Tanto meno alla stampa che invece di fare il cane da guardia della democrazia va in vacanza col potente di turno.

Buona settimana, la mia inizia con un modesto contributo alla crescita del PIL: per verniciare casa con ricorro a contributi professionali esterni ma faccio da solo comprando solo le pitture!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: