Alice in Messico

8 Ott

Mia figlia Alice con la maturità appena conseguita a pieni voti in tasca è partita per sei mesi di volontariato in Messico. L’aveva già programmato da tempo, era così “carica”, come i velocisti in pista, che ha sbagliato la partenza e ci ha dovuto riprovare qualche ora dopo, con un altro volo, facendo una “donazione” alla British Airways ONLUS, ma alla fine tutto è andato bene.

Credo sia stato un atto di  coraggio alla “Enrico Toti“, una spinta ideale che l’ha portata a voler toccare con mano cosa c’è dall’altra parte del mondo, il cosiddetto “Sud” che è, almeno appare, meno fortunato, sicuramente meno ricco.

Alice ha scelto il posto, i modi, i tempi, le associazioni, tutto l’ha fatto per dimostrare la sua maturità e la sua indipendenza, sdegnosa in questa sua ricerca di autonomia di ogni consiglio. La capisco e l’ho rispettata anche se leggere la sua mail “spaesata” il primo giorno all’altro capo dell’oceano mi ha fatto venire un groppo alla gola!

Per fortuna che c’è  sua madre che i segnali di divieto li “aggira” perché se no Alice non si sarebbe dimenticata solo gli occhiali da sole. Eh si cara Alice il tempo ti farà capire che le conquiste, quelle vere, non si fanno solo da soli ma c’è più gusto con il lavoro di squadra, quando il team è affiatato. Lucia e Alice sono dunque la “squadra” alla quale bisogna ascrivere l’avvio dell’avventura messicana!

Sto scrivendo da “vecchio” dunque la smetto e dichiaro pubblicamente che invidio il coraggio, l’entusiasmo e la freschezza di Alice e dei suoi non ancora 19 anni. Frutto della pianta della mia vita di cui, anche se talvolta mi pungo con le sue spine, vado orgoglioso.

P.S. C’è tutto “Cirano” in questo post, non rinuncia a pungere e “ferire” ma in fondo ama più la penna della spada!

 

7 Risposte to “Alice in Messico”

  1. mesicana 8 ottobre 2009 a 18:25 #

    sniff, sniff… 🙂

  2. Krisi 9 ottobre 2009 a 07:52 #

    Brava Alice.
    Fai quello che avrei voluto fare io e che ho capito troppo tardi. Gira il mondo, osserva e cresci. Le esperienze sul campo valgono 100 volumi !
    Dai tuoi genitori non poteva che nascere una persona con dei valori…. e cyrano la “lacrima di coccodrillo” noooooooooooo !

  3. pescesenzabicicletta 9 ottobre 2009 a 08:40 #

    Tutto ciò è molto commovente! Un augurio ad Alice sperando che senta la ‘vicinanza’ di tutti noi nonostante gli Oceani di mezzo. Stai realizzando la speranza di noi genitori: che i nostri figli riescano in qualche modo ad essere migliori di noi! E’ l’unica garanzia che l’Umanità ha per sopravvivere…

  4. rita 9 ottobre 2009 a 10:03 #

    e brava alice!!! so che sei fiero di lei, anche se capisco il .. magone! oggi i ragazzi – oltre a tante difficoltà – hanno anche un mondo di opportunità, e tante volte se le fanno sfuggire … auguri di cuore!, e un grande abbraccio :-)))

    • Cirano 9 ottobre 2009 a 10:41 #

      Grazie Rita!!!

  5. mufasa 9 ottobre 2009 a 18:37 #

    Comunque vada sarà un successo! e questo vale per genitori e per figli. Ci vuol coraggio a fare e coraggio a lasciar fare…e ci vuole maturità nel riconoscere il coraggio altrui (che spesso viene confuso con “incoscenza”).
    I miei complimenti a tutta una bella famiglia.
    ps Alice se ti avanza tempo scrivimi una mail ogni tanto 🙂

Trackbacks/Pingbacks

  1. Puerto Escondido « Io non perdono e tocco - 3 maggio 2010

    […] Salta ai commenti Alice ora è a Puerto Escondido, terminati i suoi sei mesi di volontariato è libera di girare e […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: