TETRAGONIA: un nome strano per un ortaggio succulento

7 Mag

In piena estate, quando le piantine di spinaci con il caldo salgono inesorabilmente a seme, ci viene in aiuto un ortaggio che non tutti conoscono che si usa come uno spinacio anche se non ne è neppure un lontano parente.  Potrei parlarvi di questo ortaggio nel mio post ma lascio che lo facciano Cristina Bay e Gottardo Bonacini con le parole del loro libro  Il giardiniere goloso ed. Ponte alle Grazie, Milano 2008. Lo faranno senz’altro meglio loro di me mentre io mi dedico ad altro …

Questo e altro lo trovate sul sito “Orti di pace”

La Tetragonia: “lo spinacio degli antipodi”
Il grande navigatore e cartografo britannico James Cook nel 1769 si spinse da Tahiti nel Pacifico del Sud alla ricerca della mitica Terra Australis. Il suo primo approdo fu la Nuova Zelanda, che credette una penisola e della quale tracciò con buona approssimazione il contorno delle coste. Faceva parte della spedizione il naturalista e botanico Sir Joseph Banks, al quale dobbiamo l’introduzione nel nostro continente di tante specie vegetali che poi vi si acclimatarono: la tetragonia è tra queste.
Tetragonia tetragonioides appartiene alla famiglia delle Aizoaceae; conosciuto come “spinacio della Nuova Zelanda”, è un’erbacea perenne che non ha nessun grado di “parentela” con lo spinacio ma può esserne una valida alternativa.
Più ricco di sali minerali e di vitamina C -contiene meno acido ossalico-, si consuma sia cotto sia crudo; ottimo se unito alle insalate di stagione per una aromatica misticanza, è un pregiato ortaggio, poco conosciuto, che può aver nel nostro orto un posto di tutto riguardo.
A differenza dello spinacio, che durante la stagione calda va inesorabilmente in seme poco dopo la germinazione, la tetragonia, se bagnata in modo regolare, continuerà a produrre foglie succose e croccanti per i nostri piatti.Trovatene una giusta collocazione nell’orto, dove l’esposizione al sole sia buona senza essere eccessiva, nella parte dedicata alla coltivazione di altre orticole perenni e biennali.
Il terreno dovrà essere ben lavorato in profondità: una vangatura effettuata prima dell’inverno a una profondità di 30 cm dell’aiuola dopo un buon apporto di letame maturo è la base per ottenere dei validi risultati durante l’anno dell’impianto e per molti altri che verranno.
Le gelate invernali faranno poi “fiorire” anche le zolle più argillose, e in primavera potrete preparare facilmente un idoneo terreno di semina sminuzzato e pareggiato.
La tetragonia da adulta ha un portamento molto espanso, caratteristica della quale dovremo tener conto nel momento della semina; in altezza poi raggiungerà i 40-50 cm nei getti che andranno a fiore.
La semina va effettuata nel mese di maggio, e può essere anticipata dove il clima è più favorevole come al Sud o nelle regioni costiere.
È possibile mettere i semi in vaso e farli germinare al caldo, mantenendo una temperatura ottimale intorno ai 20° per poi trapiantare le piantine già formate quando il termometro salirà. In questo modo anticiperemo il raccolto di circa un mese.
Formiamo nella parcella di coltivazione delle piccole conche, profonde solo qualche centimetro e a una buona distanza le une dalle altre. Consideriamo che ogni gruppo di questo spinacio necessita di una area rapportabile a una circonferenza del raggio di 40 cm Sarà perciò la conformazione della nostra aiuola ad indicarci se allinearci in file parallele distanti 80 cm e ortogonali fra loro o sfalsate della metà, cioè con quello schema di impianto che viene detto a quinconce. Gli steli si allungano infatti sino a un metro e si diramano in getti laterali che, rivolti verso l’alto producono nuove foglie dalla particolare forma; i fiori, giallastri, sono poco appariscenti e compaiono nelle cime dei tralci che escono all’ascella con le foglie. In autunno matureranno i frutti contenenti da quattro a dieci semi, è bene raccoglierli e conservarli per le future semine, vostre e di quanti appassionati conoscete: vi sarete infatti resi conto che non è un ortaggio facilmente reperibile !
Per ogni piccola conca lasciamo cadere 3-4 semi che avremo lasciato in ammollo nell’acqua per uno o due giorni, ricopriamo con circa 1,5cm. di terriccio, pressiamo leggermente e annaffiamo.
Anche per lo spinacio della Nuova Zelanda come per altre orticole questa operazione è utile per ammorbidire le parti più esterne e coriacee delle capsule favorendone la germinazione.
Le temperature miti anticiperanno la nascita del seme: dopo nemmeno due mesi inizieremo a raccogliere progressivamente le prime foglie, e secondo le nostre necessità potremo  averle a disposizione sino ai primi freddi seguendo semplicemente alcuni accorgimenti di coltivazione.
Quando le piante non saranno ancora del tutto sviluppate è importante tenere il terreno smosso e soprattutto pulito dalle malerbe; altro elemento importante è l’umidità, che deve essere mantenuta costante in un suolo ben drenato.
Così la tetragonia viene stimolata a produrre foglie più tenere e carnose e “scoraggiata” dall’andare a seme; è inoltre importante togliere le cime appena accennano a formarsi: in questo modo, oltre ad impedirne la fioritura, favoriremo l’allargamento alla base  delle piante.
Durante l’estate, soprattutto dove le ore di gran sole provocano un abbondante evaporazione, conviene pacciamare con paglia il terreno dopo averlo sarchiato, diserbato e ben irrigato.
Non vi sono malattie e parassiti che possano arrecare danni significativi a questo generoso ortaggio, che continuerà ad essere a disposizione della vostra cucina.
Potrete prolungarne la raccolta se prima della comparsa delle prime gelate avrete realizzato al di sopra dell’aiuola una protezione, una sorta di basso baldacchino coperto con  pellicola di PVC e libero ai lati.
A inizio marzo lo potete rimuovere, come pure potrete togliere la pacciamatura di paglia. Le piante andranno potate energicamente, asportando soprattutto i tralci più lunghi e le parti che hanno più risentito del freddo.
Il terreno dell’aiuola, concimato con organico come lo stallatico in pellet, va smosso prestando attenzione a non danneggiare le radici.
In seguito, stimolate dall’aumento della temperatura, le piante della tetragonia  riprenderanno a produrre nuovi tralci e foglie per la vostra tavola.

Annunci

5 Risposte to “TETRAGONIA: un nome strano per un ortaggio succulento”

  1. Daria 7 maggio 2009 a 14:25 #

    Ciao Cirano, dove hai comprato i semi?
    a presto!
    ps. Nicola dell’Orto di Carta sta “provando” le faraone, seguirà presto reportage sul loro rapporto con l’insalata!!! 😉

    • Cirano 7 maggio 2009 a 18:51 #

      Ormai i semi si trovano nei più forniti negozi di giardinaggio e agricoltura. Io non li ho perchè da qualche anno non li compro più.
      Succede questo: nel periodo di massimo sviluppo molti semi si disperdono nel terreno e germinano ai primi tepori (fine aprile) il li “raccolgo” con il pianta bulbi estraendo una carota di terra con qualche piantina appena germogliata e li trapianto in una nuova zona dell’orto per la rotazione agraria.
      Non ho dunque dei semi, che potrei spedirti con facilità, ma solo delle piantine in vasetto.
      Nella prima fase di crescita le piantine sono molto delicate ma poi sviluppano una radice a fittone molto profonda. Se non si vuole trovare spinaci spuntare per tutto l’orto l’anno successivo è dunque importante, dopo aver prelevato le giovani piantine che interessano noi e i nostri amici, sarchiare il terreno con attenzione.
      Buon divertimento!
      Rimaniamo in contatto perchè sono molto interessato alla vicenda delle faraone.
      Ciao.
      🙂

    • Cirano 7 maggio 2009 a 18:53 #

      Se non mi sono “incartato” sulla tastiera dovrei aver risposto al tuo commento.
      Ciao

  2. vaiattila 11 maggio 2009 a 11:24 #

    Ciao Cirano
    Grazie per la segnalazione della tetragonia che non conoscevo, ma grazie anche per la segnalazione del sito “orti di pace” che provvederò a linkare su un altro blog che sto facendo.

    • Cirano 11 maggio 2009 a 18:09 #

      E’ un piacere rendersi utili!
      🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: